mercoledì 10 agosto 2016

...IN PARTENZA PER L'AFRICA?

Gli analisti politici, sono per molti aspetti come i future planner in economia: gli analisti, attraverso la disamina di situazioni e comportamenti del contesto socio-politico si affannano non solo a trovare spiegazioni (che abbiano peraltro il pregio di… non smentire gli stessi analisti!) sugli avvenimenti correnti ma anche sugli scenari che conseguenzialmente possano prospettarsi.  Il tutto, comunque in un’ottica di brevissimo/breve periodo, poiché, là dove vi sia instabilità e indecisione del contesto sociale e finanziario, la risultante politica non può che essere debole, e viceversa.                                                                  Gli esperti in ‘pianificazione del futuro’ (ossia, i future planner), studiano i contesti economici, finanziari e politici di tutto il mondo, le tendenze e la stabilità dei mercati, le condizioni dei consumatori/fruitori, dati e statistiche dei flussi di beni e servizi, dopo di che tirano le loro somme per ‘pre-vedere’ quali potranno essere ‘con la massima ragionevole certezza’ gli scenari nei quali si dovranno muovere e confrontare aziende produttrici di beni e di servizi.                   Com’è agevole rilevare, i future planner non possono che essere pochi, poiché le loro particolari caratteristiche ne fanno una schiera ridottissima ma di fortissimo impatto qualitativo: pagati, e giustamente, con cifre da capogiro influiscono considerevolmente sulle linee strategiche di medio/lungo periodo delle aziende che si rivolgono loro, influenzandone le scelte a livello decisionale.      Costoro, non appaiono mai: dotati di elevate capacità, lavorano con efficienza e grande discrezione, custodi dei forti interessi dei committenti. Diversamente dagli analisti politici, che per lo più sono sempre in vetrina.                     Gli analisti politici sono invece tanti (forse troppi… un po’ come gli esperti di calcio: al bar dello sport!)  e troppo spesso si confondono con il ruolo del commentatore politico, seppur di rango.  Si muovono in scenari frenetici, in cui le incognite del giorno dopo sono già considerevoli: così che l’analista politico è diventato più il commentatore di fatti avvenuti o in rapido itinere, che un soggetto in grado di pre-vedere persino in modo approssimato cosa accadrà, quali schieramenti cederanno o si rafforzeranno, oppure che tipo di alleanze si potranno definire.                                                                                                   In sintesi: uno scenario del tutto fumoso e ondivago, che sfugge spesso ai criteri della logica, dove insiste anche la variabile degli analisti schierati a priori ora con questo ora con quel soggetto, così subendo influenze che non possono che rendere inaffidabile la sostanza del loro compito effettivo.     Fintanto che si ragionerà in modo preconcetto, già ideologicamente schierato, non emergeranno soluzioni nell'interesse del Paese: le soluzioni, pur se possono accostarsi ora alle linee concettuali di una parte ora dell’altra, se sono prese nell'interesse di una Nazione non possono avere colore ovvero tendenza. Se così fosse, ognuno che si avvicendi ai vertici, non farebbe altro che tirare fuori da un qualche cassetto polveroso delle soluzioni (o dei sogni irrealizzati…?) datate e molto probabilmente superate – in toto o in parte – dall'evolversi dei tempi e degli scenari complessivi.                                                                                                  Questa premessa potrà agevolare la migliore comprensione quantomeno dei ruoli: tenendo presente che i vertici politici di ogni Nazione si circondano di tutto uno stuolo di esperti… Per così colmare le 'zone d'ombra' della propria preparazione.                                                                                                        Tra poche ore sapremo da Mosca quali intese avranno saputo trovare i leader di Russia e Turchia: sicuramente non si tratta di un incontro banale o solo formale.  Entrambe le parti intenderanno dare prova di determinazione e rapidità decisionale, cercando di ‘sparigliare’ i progetti ovvero i passi già intrapresi da altri, adottando decisioni di forte impatto: ma il più di questo incontro certamente non si saprà, specie se ci sarà una sostanza da salvaguardare ovvero circa la quale si impone cautela. Le reciproche diffidenze di fondo, dovranno essere superate dall'attesa di vantaggi così consistenti da giustificare prese di posizione delicate o forti. Vedremo: personalmente, penso che se qualcosa dovesse accadere, emergerà in coincidenza con le elezioni USA.          Ma a proposito di Turchia…  Qualcuno ha visto o sentito la Germania, in questo momento di forte turbolenza? Quella stessa Germania che non ha guardato in faccia nessuno pur di imporre la preminenza del suo sistema e la prevalenza dei suoi affari, pianificando a proprio vantaggio una serie di azioni economico-finanziarie-imprenditoriali in territorio turco.    Incluso quello ‘strano’ meccanismo di finanziamento da parte della UE alla Turchia – una sorta di pay-per-refugee – per trattenere lì, in sconfinati campi di raccolta, coloro che provengono – in modo incontrollato e pericolosissimo, ancorché inumano – da altre Terre: sembrerebbe che vi siano già ospitati ca. tre milioni di rifugiati.  Una nuova ‘prigione’ per gente senza un futuro certo nella propria Patria, ma dal destino altrettanto incerto.  Una cifra enorme, non facilmente gestibile: ma cosa accadrebbe se il Governo di Ankara dovesse decidere di tagliar corto con le indecisioni europee?    L’Europa, se da un giorno all'altro dovesse essere posta di fronte al dilemma di ‘cosa fare’ e di dove e come ‘accogliere’ questa enorme massa umana, farebbe sicuramente corto circuito: la fine, già segnata da sinistri scricchiolii, sarebbe irreversibile.                                                                            Ma tutto ciò vuol dire anche che - come se niente fosse, con soave leggerezza; come potrebbe chiosare un poeta - si continua con gli errori, specie nelle valutazioni di politica estera: dalla Francia – alla prese con fenomeni serissimi, per molti prodromici ad una sorta di implosione - alla Germania, agli USA – che hanno preferito dare il loro sostegno agli strani nuovi governi di Libia e Ukraine piuttosto che mediare seriamente con Mosca, rispolverando peraltro una nuova ‘guerra fredda’ – e che poco continuano a capire dello scacchiere Orientale e della mentalità araba e musulmana, non riuscendo a calarsi in quella realtà…                                                                                                                  Tutto all'insegna delle bombe, della morte, per combattere altre bombe e altra morte… In una dimensione dove in Afghanistan – probabile palude di americani & C., dopo essere stata palude sovietica - sembra lontanissima la normalizzazione e quindi la pace; mentre anche in Iraq – qui stendendo un velo pietoso sugli ‘errori’ inglesi e quindi USA, che hanno accreditato Saddam di armi chimiche e batteriologiche – la pace è ancora una chimera; pace (se così si può definire) che sembra invece dietro l’angolo ad Aleppo, aprendo spiragli positivi per il regime di Assad…  Tutte mosse e mossette improntate al business, per acquisire vantaggi, come sembra essere l’attuale chiave di lettura anche in Libia: in una terra divisa tra presenze a sostegno di Tripoli e interessi squisitamente francesi a sostegno di Tobruk… con tutto il gioco delle alleanze, tirate in ballo per far sporcare a tutti le mani con la marmellata: marmellata che in realtà in pochi mangeranno…                                                                                                 Rifugiati, profughi, emigranti, clandestini… Nella sostanza, esodi di massa che mascherano e alimentano il business degli sbarchi e dell’accoglienza; veri rifugiati (pochissimi, in percentuale); veri clandestini (la stragrande maggioranza) che vengono con pretese ben chiare e precise, il 75% dei quali – in partenza dalle coste africane verso nord - diretto verso l’Italia e il 25% verso la Grecia, accampando diritti che neanche i cittadini regolarmente residenti hanno; migliaia di minori ‘non accompagnati’ scomparsi, sbarcati ma scomparsi nel nulla, gettati allo sbaraglio, nelle mani degli sfruttatori del mercato delle false adozioni, dei trapianti illegali, delle elemosine, dello sfruttamento più bieco anche sessuale: almeno 10.000 secondo i dati Europol (stampa, Maggio 2016); terroristi mescolati ai clandestini e impossibili da identificare, confusi abilmente nella massa; mercanti di uomini arricchiti dalla sollecitazione al pietismo … Limpido e cristallino il commento di uno di costoro intervistato alla frontiera di Ventimiglia: ‘ma perché ci hanno fatto venire, se non ci sono sbocchi?’: la domanda dovrebbe essere girata alla maggior parte dei politici europei, italiani in testa. I nostri politici sono miopi, seguendo la miopia – ma anche la cattiva fede – di un’Europa incapace di decidere, di sostenerci adeguatamente, di dire ‘basta!’ a questo traffico umano.                                                                     Perché non si può dire che così se si è realmente colpiti dalle decine di migliaia di morti nel corso di questi viaggi di disperati, o di questi ‘nuovi schiavi’ - come qualcuno li chiama – che si muovono sulla direttrice nord-sud -; perché non si può che inorridire di fronte alle migliaia di minori spariti nel nulla, alle migliaia di persone che vanno ad alimentare il mercato del sotto-lavoro, del lavoro nero, della prostituzione, dello spaccio di droghe…                                           Ecco, che allora tutto questo tragico contesto assume nuove forme, con bombe che cadono dal cielo con la stessa facilità con cui il formaggio cade sui maccheroni, terrorismo che presenta il conto a quelle nazioni che hanno confinato nelle periferie delle loro città una sotto-società di fatto di serie B…               Le stesse elezioni americane sono aperte a ogni risultato: anche se il fronte anti-Trump si rafforza, la Signora Clinton non affascina, specie perché agli occhi dell’elettorato non rappresenta alcunché di nuovo. E gli americani, quando votano, votano sempre o per il cambiamento o per mantenere il cambiamento: anche se Obama, e quindi il Partito Democratico, ha saputo dare risposte vigorose alla disoccupazione negli USA, creando milioni di nuovi posti di lavoro, e superando il forte dissesto che aveva colpito le banche e quindi il sistema. Vedremo se il fresco candidato outsider USA, il classico ‘terzo incomodo’, sbaraglierà – ma anche ‘toglierà dagli impicci’ – repubblicani e democratici.                  Ma mentre il mondo scricchiola paurosamente, in Italia siamo lacerati dalla questione Roma (chi ricorda lo slogan 'AMA-ROMA'?); dal prossimo Referendum (vota SI, vota NO… senza chiarire ai poveri cittadini cosa comporterà votare per il SI e cosa votando per il NO); da una ripresa lentissima (già in ritardo di almeno tre anni rispetto al resto d’Europa: è stata sempre tenue e fragile e oggi è di fatto piegata su se stessa, ferma); dalla falsa speranza che per le elezioni qualcosa si rompa davvero a sinistra; da un fetore insopportabile che si alza da giardini, piazze e strade d’Italia, mutate in fogne a cielo aperto da chi sostiene che questa è la nostra vera realizzazione, la nostra chiave per il futuro… Cercando di convincerci che tutto ciò si chiama ‘accoglienza’, e che stiamo svolgendo una indeflettibile missione ‘di salvamento’.             Personalmente, ferma restando la correttezza morale e quindi materiale di una Chiesa che mette in pratica i propri enunciati più sacri, mi sorge il dubbio che per ciascuno di questi soggetti ‘salvati’, che hanno percorso su barconi sgangherati il corridoio di mare che dalle coste libiche li porta in Italia, in realtà io possa essere anche solo moralmente potenziale complice di chi in pratica sfrutta costoro, facendone tratta e sottoponendoli anche a violenze; sono complice se  questi poveri esseri andranno ad infoltire le schiere del crimine; sono complice di coloro che indirizzeranno le donne alla prostituzione o allo spaccio; sono complice di chi, senz'anima e senza coscienza, non si fa scrupolo di fare commercio con le più giovani di queste creature: con i bambini.                      Gli indifesi per eccellenza!                                                                           E forse ce la siamo meritata questa ‘chiave’, questa ‘soluzione’ di cui ci dicono che non possiamo né potremo fare a meno…                                                  A meno che… a meno che non ci mettiamo in coda, per vivere il fenomeno inverso, lasciando questa nostra terra che rischia di divenire inospitale: per prendere il primo barcone che dall'Italia potrebbe portarci sulle coste africane.         In fondo, secondo la teoria delle ‘sette mamme’, il DNA mitocondriale pare che ci riconduca ad una ‘mamma’ africana: centro-sud africana; per noi, in effetti, si tratterebbe di un possibile ritorno alle origini.

Roma, 9 Agosto 2016                  Giuseppe Bellantonio

NOTA : A SEGUITO DI UN COMMENTO, IN DATA 10 AGOSTO E' STATA INVIATA LA SEGUENTE RISPOSTA

Grazie, Carlo, per il gradito commento.
Colgo l'occasione per rispondere anche a qualche Lettore che mi ha fatto pervenire le proprie perplessità sul concetto di INTEGRAZIONE.
A mio avviso, il concetto viene sostenuto ad oltranza: da chi ha funzioni socio-politiche, piuttosto che non dalla 'gente comune'.
L'INTEGRAZIONE è fallita, ed i risultati sono sotto gli occhi di tutti: Francia, Germania... persino in quell'Inghilterra che seppe impostare un contesto migliore di altri.
Oggi possiamo parlare solo di una società MULTIETNICA piuttosto che non di INTEGRATI ad un sistema sociale e politico preesistente. a possibile attività di ARMONIZZAZIONE deve tenere conto che i flussi sono composti da persone provenienti da contesti diversi, comunque caratterizzati da inquadramenti sociali-religiosi-economici molto diversi dai nostri e che queste persone portano con sè ovunque vanno. Non parliamo poi del retaggio che caratterizza la loro considerazione della condizione della Donna: distante anni-luce da ogni contesto occidentale.
Queste persone seguono ancora lo schema dei gruppi sociali e famigliari, che fanno riferimento ad una figura forte di riferimento, a sua volta in strettissimo contatto con chi presiede agli affari, alla dimensione religiosa, all'indirizzo e gestione della polis e quindi politico. E tra di loro, queste persone si controllano a vicenda: seguendo i rispettivi comportamenti e persino segnalando chi non segue disposizioni, ordini e precetti, e soprattutto i precetti delle 'scritture' di loro riferimento.
Quando lasciano le loro terre, queste persone si portano dietro questo e non altro modello: che è stato valido e indiscusso per centinaia di anni prima di loro. Quindi, come potrebbe INTEGRARSI - e limitatamente a cosa, eventualmente - chi porta con sè questo bagaglio, questo modello, anche nel nuovo e diverso contesto in cui non 'si' inserisce, ma 'viene' inserito?
Anzi, chi con tanta capacità ci governa - specie a livello europeo - sembra non voler capire che proprio l'attaccamento al modello delle proprie radici è il sostegno di queste persone.
Il discorso in sè sarebbe ancora più lungo, ma siatene certi: l'accoglienza e tutto ciò che vogliamo metterci vicino, andrebbe a carte quarantotto se dovessero fermarsi i sostegni finanziari che vengono erogati/riconosciuti.
Un cordiale saluto a tutti e... buona pausa feriale.
G.B.

Disclaimer / Avviso 1

L'autore nonché titolare dei diritti e dei doveri relativi alla gestione di questo blog rende noto a tutti gli effetti di Legge quanto segue: 
1) tutti i diritti di proprietà artistica e letteraria sono riservati. Ai sensi dell'art. 65 della Legge 22 Aprile 1941 n° 633, è vietata la riproduzione e/o diffusione totale o parziale - sotto qualsivoglia forma - senza che vengano citati il nome dell'autore e/o la fonte ancorché informatica.

2) E' vietato trarre copie e/o fotocopie degli articoli/interventi contenuti nel presente blog - con qualsiasi mezzo e anche parzialmente - anche per utilizzo strettamente personale/riservato.

Disclaimer / Avviso 2
Questo blog non rappresenta una testata giornalistica in quanto viene aggiornato senza alcuna periodicità. Non può pertanto considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n° 62 del 7.03.2001. L'autore non è responsabile per quanto pubblicato dai lettori nei commenti ad ogni post. I commenti ritenuti offensivi o lesivi dell’immagine o dell’onorabilità di terzi, di genere spam, razzisti o che contengano dati personali non conformi al rispetto delle norme sulla privacy, potranno essere rimossi senza che per ciò vi sia l'esigenza di prendere contatto anche preventivo con gli autori. 
Nel caso in cui in questo blog siano inseriti testi o immagini tratti dal webciò avviene considerandoli di pubblico dominio; qualora la loro pubblicazione fosse tutelata da possibili quanto eventuali diritti d'autore, gli interessati sono pregati di comunicarlo via e-mail al recapito giuseppebellantonio@infinito.it al fine di procedere alla opportune rettifiche previa verifica della richiesta stessa. 

L'autore di questo blog, confermando di voler operare nel pieno rispetto delle norme di Legge in vigore, esprime anche la volontà di operare in armonia con le nuove norme entrate in vigore il 1° Aprile 2014 ed emanate dalla AGCOM, relativamente all'introduzione di nuove norme sul copyright digitale e online. 
L'autore del blog non è responsabile della gestione dei siti collegati ovvero collegabili tramite eventuali link né dei loro contenuti, entrambi suscettibili di variazioni nel tempo.
Oltre ciò - specie per le parti informative a contenuto storico e/o divulgativo - i Lettori, ovvero quanti comunque interessati alla materia, che possano ritenere ciò utile e opportuno, potranno suggerire delle correzioni e/o far pervenire qualche proposta. Proposte che saremo lieti di valutare ed elaborare
 

domenica 7 agosto 2016

L'ASSE ROMA-PECHINO DI SANDRO TROTTI



Reduci dai meritati e ampi successi della Mostra "DAL DOPOGUERRA, generazioni a confronto" tenutasi al CAFFE' 900 di Porto San Giorgio, al NINO CAFE' una nuova proposta espositiva ne supererà certamente i risultati.
Dal 4 Agosto al 4 Settembre 2016  il NINO CAFE' ospiterà difatti una mostra dagli alti contenuti artistico-culturali. 
Il bravo Daniele Taddei cura l'esposizione di 12 opere - periodo 1959 - 1979 - del Maestro SANDRO TROTTI .                                               Le opere in mostra narreranno in sintesi il suo percorso artistico partendo da Roma - la sua città adottiva - fino ad arrivare a Pechino, la porta dell'Oriente, che gli ha attribuito i più deferenti onori come Artista e Uomo di cultura dell'intero occidente.
Una mostra da non perdere, accompagnata da un brindisi di benvenuto. 



venerdì 5 agosto 2016

MA QUESTO NON E' AMORE...

E’ FURIA BESTIALE!
IRRESISTIBILE ISTINTO BELLUINO, 
ANCESTRALE INDOLE PREDATORIA, 
FEDE CIECA NELLA VIOLENZA E ABIURA DELLA RAGIONE…!
MA CERTAMENTE NON E’ AMORE
 COME FRETTOLOSAMENTE QUANTO IPOCRITAMENTE 
CERTA GENTE DICE, 
TENTANDO DI AMMANTARE DI NOBILI SENTIMENTI 
LA CRUDELTÀ DI PERSONE 
CHE ODIANO E AMANO ODIARE, MINACCIARE, PERSEGUITARE, SOPRAFFARE, PICCHIARE, VIOLARE, VIOLENTARE... 
U C C I D E R E !
PER POI FAR APPARIRE, SUL LORO VOLTO RETTILIANO, LA CLASSICA LACRIMA DI COCCODRILLO… CERCANDO DI CUCIRSI ADDOSSO L’ALIBI DEL “… MA LE VOLEVO TANTO BENE! QUANTO MI MANCA!...”.
E COSI’ COME NON E’ AMORE, 
COSI' NON E’ SEMPLICE FOLLIA.
E’ EVIDENTE CHE NON CI SI PUÒ’ PIÙ’ LIMITARE A PRENDERE ATTO DEI FATTI E DEL CRESCENTE NUMERO DI VITTIME, 
IN UNA CRONOLOGIA SENZA FINE.
OCCORRE PORRE UNA SERIE DI RIMEDI CHE, 
AFFIANCANDOSI ALLA NORMATIVA DI LEGGE GIÀ’ IN VIGORE, POSSANO DAR MAGGIOR SICUREZZA A TUTTE LE DONNE, 
ALLE NOSTRE MOGLI, ALLE NOSTRE FIGLIE, ALLE NOSTRE NIPOTI: 
A TUTTE LE DONNE. 
PERSONE DA CONQUISTARE GIORNO PER GIORNO 
E NON OGGETTI DA POSSEDERE.  GIOVANI OGGI, DONNE DOMANI.
IDENTIFICAZIONE DEL REATO QUALE OMICIDIO VOLONTARIO – PREMEDITATO (come indica la maggior parte dei casi) O PRETERINTENZIONALE -; PROCESSI PER DIRETTISSIMA; UNICO TIPO DI RITO (PER INTENDERCI, NIENTE RITO ABBREVIATO); 
NIENTE DIRITTO A RIDUZIONI O SCONTI DI PENA E NIENTE AGEVOLAZIONI (TIPO, PERMESSI-PREMIO); 
PERDITA A VITA DI OGNI DIRITTO CIVILE E FAMIGLIARE; 
IMMEDIATA CONFISCA DEL PATRIMONIO DEL COLPEVOLE A FAVORE DEI PARENTI AVENTI TITOLO DELLA VITTIMA; PER IL COLPEVOLE NESSUNA FACOLTÀ’ O DIRITTO  DI POTER RILASCIARE INTERVISTE OVVERO SCRIVERE LIBRI FINO AD ESPIAZIONE DELLA PENA; IDENTICA PENA ANCHE PER I 
FIANCHEGGIATORI ED I COMPLICI A QUALSIASI TITOLO …
MA E’ NELLA PREVENZIONE CHE OCCORRE INVESTIRE, 
CON UN DIVERSO E FORTE APPROCCIO A TALE FATTISPECIE DI REATO: L’OMICIDIO.  
SENZA NECESSITA’ DI AGGETTIVAZIONI. OMICIDIO, E BASTA!
NON APPENA LA VITTIMA DENUNCIA ALLE AUTORITÀ’ COMPETENTI UN FATTO PERSECUTORIO O CONTRADDISTINTO DA MINACCE O DA PERCOSSE O DA INSOPPORTABILI PRESSIONI PSICOLOGICHE, L’AUTORE DI TALI COMPORTAMENTI DEVE ESSERE IMMEDIATAMENTE CONVOCATO PER RACCOGLIERNE LE DICHIARAZIONI DI FRONTE ALLE CONTESTAZIONI. OCCORRE FAR SCATTARE IMMEDIATAMENTE LA DIFFIDA CON I RELATIVI OBBLIGHI E DIVIETI DI AVVICINARSI ALLA VITTIMA E/O AI SUOI FAMIGLIARI.  L’AUTORITÀ’ DI POLIZIA, MENTRE ATTIVA CONTROLLI INCROCIATI E VERIFICA I FATTI, SEGNALA IMMEDIATAMENTE AL MAGISTRATO DI TURNO IL FATTO RICHIEDENDO SE DEL CASO IMMEDIATE  E PIÙ' INCISIVE MISURE PREVENTIVE E COMUNQUE IDONEE A TUTELARE L'INCOLUMITÀ’ DELLA VITTIMA.   MEGLIO SE NELLE PROCURE SI DESSE VITA AD UN POOL DI MAGISTRATI, CON SPECIFICA ESPERIENZA IN TALE TIPO DI REATI E QUINDI IN GRADO DI VALUTARE CON GRANDE RAPIDITÀ’ I FATTI.  PREVEDERE PIÙ' ENERGICHE MISURE QUALORA, DOPO QUESTA PRIMA FASE, IL PERSECUTORE-MOLESTATORE CONTINUI NELLE PROPRIE AZIONI MINACCIOSE O DELITTUOSE.  SE IL SOGGETTO CONTINUA, FAR SCATTARE IMMEDIATAMENTE MISURE DI PREVENZIONE DI TIPO CAUTELARE: DOMICILIARI (COMUNQUE CON L’UTILIZZO DEL C.D. BRACCIALETTO ELETTRONICO) 
O IN ISTITUTO DI PENA.
MA IO NON SONO NE’ UN GIURISTA NE’ ALTRO… 
SONO SOLO UN COMUNE CITTADINO.
COMPETE ALLE AUTORITÀ’ L’AGIRE, COMUNQUE RAPIDISSIMO, ED E’ QUINDI OBBLIGO DEL LEGISLATORE OPERARE CON LA MASSIMA URGENZA, PONENDO RIMEDI DRASTICI ALLA TRAGICA TRASFORMAZIONE DEGLI ATTUALI SCENARI SOCIALI!



Disclaimer / Avviso 1
L'autore nonché titolare dei diritti e dei doveri relativi alla gestione di questo blog rende noto a tutti gli effetti di Legge quanto segue: 
1) tutti i diritti di proprietà artistica e letteraria sono riservati. Ai sensi dell'art. 65 della Legge 22 Aprile 1941 n° 633, è vietata la riproduzione e/o diffusione totale o parziale - sotto qualsivoglia forma - senza che vengano citati il nome dell'autore e/o la fonte ancorché informatica.

2) E' vietato trarre copie e/o fotocopie degli articoli/interventi contenuti nel presente blog - con qualsiasi mezzo e anche parzialmente - anche per utilizzo strettamente personale/riservato.

Disclaimer / Avviso 2
Questo blog non rappresenta una testata giornalistica in quanto viene aggiornato senza alcuna periodicità. Non può pertanto considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n° 62 del 7.03.2001. L'autore non è responsabile per quanto pubblicato dai lettori nei commenti ad ogni post. I commenti ritenuti offensivi o lesivi dell’immagine o dell’onorabilità di terzi, di genere spam, razzisti o che contengano dati personali non conformi al rispetto delle norme sulla privacy, potranno essere rimossi senza che per ciò vi sia l'esigenza di prendere contatto anche preventivo con gli autori. 
Nel caso in cui in questo blog siano inseriti testi o immagini tratti dal webciò avviene considerandoli di pubblico dominio; qualora la loro pubblicazione fosse tutelata da possibili quanto eventuali diritti d'autore, gli interessati sono pregati di comunicarlo via e-mail al recapito giuseppebellantonio@infinito.it al fine di procedere alla opportune rettifiche previa verifica della richiesta stessa. 

L'autore di questo blog, confermando di voler operare nel pieno rispetto delle norme di Legge in vigore, esprime anche la volontà di operare in armonia con le nuove norme entrate in vigore il 1° Aprile 2014 ed emanate dalla AGCOM, relativamente all'introduzione di nuove norme sul copyright digitale e online. 
L'autore del blog non è responsabile della gestione dei siti collegati ovvero collegabili tramite eventuali link né dei loro contenuti, entrambi suscettibili di variazioni nel tempo.
Oltre ciò - specie per le parti informative a contenuto storico e/o divulgativo - i Lettori, ovvero quanti comunque interessati alla materia, che possano ritenere ciò utile e opportuno, potranno suggerire delle correzioni e/o far pervenire qualche proposta. Proposte che saremo lieti di valutare ed elaborare
 

giovedì 4 agosto 2016

DENISE GAGLIARDI IN MOSTRA


Su iniziativa dell’Associazione “Città Castelli Romani”, si apre domani 5 Agosto a Nemi – nella classica e suggestiva cornice del Palazzo Ruspoli di Nemi, alla presenza di Autorità, cittadini e ospiti - la Mostra LE PRINCIPESSE STRANE, dell’Artista Denise Gagliardi.
L’Associazione, ha nei suoi scopi la promozione di eventi socio-culturali, musicali e sportivi, creando presupposti per il libero scambio di cultura tra le persone: ciò, con il fine precipuo di valorizzare e proteggere lo splendido territorio della Città e dei Castelli Romani.di questa realtà associativa
Abbiamo conosciuto in occasione della recente Mostra ARTE IN LIBERTA’ dell’Accademia di Alta Cultura, il Presidente di questa bella realtà associativa Sig. Carlo Massa, che con entusiasmo ci ha parlato dell’attività, della passione e delle opere di due Artisti da loro seguiti con particolare attenzione: Denise Gagliardi e Sergio Quarra. Certamente, ci saranno occasioni successive per interessarci più da vicino di questa come di altre interessanti realtà associative che operano nel territori dei Castelli Romani con il medesimo nobile fine: salvaguardare le Tradizioni socio-culturali, stimolare interessi e aggregazioni nel segno della Cultura, in tutte le proprie declinazioni.
La brava Denise Gagliardi mette in mostra molte sue opere, significativamente raccolte sotto il titolo de LE PRINCIPESSE STRANE, un titolo che centra mirabilmente i contenuti tutti dei suoi quadri: ciascuno dei quali mette in risalto ora uno sguardo, ora un’espressione, ora una tenue evanescenza, ora una prospettiva che lascia intendere il mondo in cui queste sue creature vivono e si muovono.
Senza dubbio, gli approfondimenti artistici che hanno fatto da contorno alla sua passione, risentono del fascino di quella Foresta Nera, ai margini della quale abitava la sua Famiglia, trasferitasi in Germania quando lei aveva quasi 5 anni. 
La vicinanza con la solenne Foresta Nera, ha fatto nascere in lei un luogo reale e onirico allo stesso tempo: il suo “bosco delle favole”, arricchito di quelle favole e di quelle leggende, che – proprio guardando le opere della Gagliardi – non solo l’hanno spesso ispirata, ma fors’anche guidata nel suo percorso artistico, come un fil rouge delicato e costante.
Nel suo percorso artistico Denise Gagliardi ha curato le illustrazioni di delicati testi per bambini: rimarchevoli e ricchi di contenuti i suoi lavori con Marianne Züfle, Elisha Ygit e Petra Rapp.  I suoi lavori, disegnano, colorano e riempiono di vitalità  il libro Lilu Bam Bam, mentre tra il 2014 e il 2016 vengono dati alle stampe stampati il secondo e il terzo volume del Wurzelpeter.
Il 2014 è l’anno in cui Denise torna in Italia, rinnovando il legame con le proprie radici, stabilendosi nuovamente nella casa natia alle ville di Nemi, ai margini del bosco sacro del Rex Nemorensis.  Un Bosco l’ha vista crescere, un altro Bosco l’ha accolta con lo stormire amichevole delle sue fronde: come se si chiudesse un cerchio, quel cerchio della Vita che noi tutti viviamo, più o meno intensamente, più o meno nella consapevolezza del ‘sé’ piuttosto che non prigionieri dell’ ‘io’.
Questa è Denise Gagliardi. Il suo tratto è inconfondibile, come i suoi disegni e le sue principesse; a volte strane, arrabbiate, dispettose o innamorate, ma consapevolmente.
Come lei stessa ama dire, le sue protagoniste sono “… con la corona sempre lì, con voi, sia nella loro forma o come parte delle vostre immagini. Di tanto in tanto, a loro piace anche nascondere la corona come in un gioco arcaico e sfuggente: la corona c'è, è da qualche parte, è da trovare… Sempre… Come costituisse un segno distintivo dell'Artista, poggiata, fluttuante o dispersa su una qualsiasi delle sue immagini”.
Denise, disegna e dipinge sperimentandosi continuamente e amando l’utilizzo di una moltitudine di materiali: dal legno al sughero, dalla ceramica alla muratura alla tela; inoltre, ama creare figure e accessori con la tecnica della lanacotta
Ma le opere più belle dipinte tracciate e dipinte dall’Artista, sono quelle che il suo estro e la sua fantasia le suggeriranno… tra un attimo!
Noi, intanto, dobbiamo ‘accontentarci’ di quelle da lei già fatte: e sono tante, belle e particolari… Per farlo dobbiamo solo recarci a salutarla, ammirando le sue PRINCIPESSE STRANE.

In Mostra al Palazzo Ruspoli di Nemi dal 5 al 15 Agosto 2016.

Roma, 4 Agosto 2016                        Giuseppe Bellantonio
                                                                      freelance e scrittore, esteta letterario e artistico                                                   
                                                                               Presidente 'Accademia di Alta Cultura'



Disclaimer / Avviso 1
L'autore nonché titolare dei diritti e dei doveri relativi alla gestione di questo blog rende noto a tutti gli effetti di Legge quanto segue: 
1) tutti i diritti di proprietà artistica e letteraria sono riservati. Ai sensi dell'art. 65 della Legge 22 Aprile 1941 n° 633, è vietata la riproduzione e/o diffusione totale o parziale - sotto qualsivoglia forma - senza che vengano citati il nome dell'autore e/o la fonte ancorché informatica.

2) E' vietato trarre copie e/o fotocopie degli articoli/interventi contenuti nel presente blog - con qualsiasi mezzo e anche parzialmente - anche per utilizzo strettamente personale/riservato.

Disclaimer / Avviso 2
Questo blog non rappresenta una testata giornalistica in quanto viene aggiornato senza alcuna periodicità. Non può pertanto considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n° 62 del 7.03.2001. L'autore non è responsabile per quanto pubblicato dai lettori nei commenti ad ogni post. I commenti ritenuti offensivi o lesivi dell’immagine o dell’onorabilità di terzi, di genere spam, razzisti o che contengano dati personali non conformi al rispetto delle norme sulla privacy, potranno essere rimossi senza che per ciò vi sia l'esigenza di prendere contatto anche preventivo con gli autori. 
Nel caso in cui in questo blog siano inseriti testi o immagini tratti dal webciò avviene considerandoli di pubblico dominio; qualora la loro pubblicazione fosse tutelata da possibili quanto eventuali diritti d'autore, gli interessati sono pregati di comunicarlo via e-mail al recapito giuseppebellantonio@infinito.it al fine di procedere alla opportune rettifiche previa verifica della richiesta stessa. 

L'autore di questo blog, confermando di voler operare nel pieno rispetto delle norme di Legge in vigore, esprime anche la volontà di operare in armonia con le nuove norme entrate in vigore il 1° Aprile 2014 ed emanate dalla AGCOM, relativamente all'introduzione di nuove norme sul copyright digitale e online. 
L'autore del blog non è responsabile della gestione dei siti collegati ovvero collegabili tramite eventuali link né dei loro contenuti, entrambi suscettibili di variazioni nel tempo.
Oltre ciò - specie per le parti informative a contenuto storico e/o divulgativo - i Lettori, ovvero quanti comunque interessati alla materia, che possano ritenere ciò utile e opportuno, potranno suggerire delle correzioni e/o far pervenire qualche proposta. Proposte che saremo lieti di valutare ed elaborare
 


sabato 30 luglio 2016

L'AUGE SI PRESENTA

In altra sede abbiamo già dato notizia dell'avvenuta costituzione dell' AUGE- Accademia Universitaria degli Studi Giuridici Europei, un ente che si prefigge importanti iniziative tanto in sede nazionale che comunitaria, così come esplicitato anche nel proprio titolo distintivo.
Il giorno 22 Luglio - a Roma, nella Sala del Refettorio della Camera dei Deputati - si è tenuto quello nche possiamo definire il 'battesimo' dell'AUGE con un Seminario dai contenuti certamente importanti.
Di seguito, riprendiamo il Comunicato-stampa diramato al termine dell'incontro; incontro cui era presente al gran completo il Senato Accademico dell'AUGE, nelle persone del Presidente Coordinatore Prof. Luca Filipponi, dei Proff. Francesco Petrino,  Umberto Gianmaria, Antonello Secchi, Angelo Sagnelli.
Nel corso dell'evento, il Senato Accademico - all'unanimità - ha eletto a Rettore il Prof. Giuseppe Catapano , docente universitario e scrittore.
Il Prof Luca Filipponi, in qualità di Presidente dello IEFO, ha tenuto una lectio magistralis  ull'Europa
Folto lo stuolo di politici, giornalisti, media e imprenditori, presenti all'evento.


Un venerdì in Camera dei deputati!
Nella sala del Refettorio della Camera dei Deputati venerdì 22 Luglio 2016 si è tenuto il Seminario "Nuovi Rapporti con le istituzioni Europee  e l'Importanza degli Enti No Profit nel processo di Governace dell'EU”.

Questo weekend per oltre 300 persone provenienti da tutta italia è cominciato in camera dei deputati con un evento culturale , che ha coinvolto personalità di spicco del panorama formativo, politico , imprenditoriale e giornalistico.  Un seminario ha dato inizio all’evento, che è proseguito con il battesimo dell'accademia universitaria degli studi Giuridici Europei AUGE. rappresentata dal Senato Accademico nelle persone del Presidente Coordinatore Prof. Luca Filipponi, Prof. Francesco Petrino, Prof. Umberto Gianmaria, Prof. Antonello Secchi, Prof. Angelo Sagnelli.
Il senato accademico all'unanimità ha eletto Rettore il Prof. Giuseppe Catapano , docente Universitario e autore di diverse pubblicazioni, proprio in questi giorni  è in uscita la seconda edizione del libro di successo “Banche e Anomalie”.
Il rettore dopo un saluto e un ringraziamento al senato accademico e a tutti gli autorevoli ospiti in sala ha precisato che il suo ruolo si colloca in un momento difficile per la formazione, sia per la carenza di fondi sia per la crisi sociale che attraversa L'Europa.
L’iniziativa si è conclusa con la presentazione da parte del neo rettore della sua “squadra” , tutti professionisti in  diversi settori : Prof. Cesare Cilvini  Accademico TESORIERE
Prof. Caterina Areniello Accademico Formatore, avvocato  del Foro di Nola aderente AIGA NOLA esperto in materia di contenzioso assicurativo
Prof. Sepe Francesco  Accademico Formatore Architetto,
Pastore Alberto Accademico Formatore  avvocato  del Foro di Nola aderente AIGA NOLA esperto in materia di contenzioso Tributario titolare di Cattedra nel corso di Assistenti nel contenzioso.
Soviero Salvatore  Accademico Formatore avvocato  del Foro di Nola aderente AIGA NOLA esperto in materia di Contenzioso  titolare di Cattedra nel corso di Assistenti nel contenzioso.
Orefice Daniele Accademico Formatore  Medico Chirurgo.
Catapano Assunta accademico Formatore avvocato  del Foro di Nola aderente AIGA NOLA  esperto in materia di Contenzioso Societario   titolare di Cattedra nel corso di Assistenti nel contenzioso.
Rusciano Mariarosaria Accademico Formatore Consulente Tributario   esperto in materia di Contenzioso Tributario    titolare di Cattedra nel corso di Assistenti nel contenzioso.
Pizza Francesca  Accademico Formatore avvocato  del Foro di Nola aderente AIGA NOLA  esperto in materia di Contenzioso del Diritto Bancario    titolare di Cattedra nel corso di Assistenti nel contenzioso.
 De Florio Francesco  Accademico Formatore  avvocato  del Foro di Taranto   esperto in materia di Contenzioso "Esdebitazione"   titolare di Cattedra nel corso di Assistenti nel contenzioso.

Passero Massimo Accademico Formatore avvocato  del Foro di Avellino   esperto in materia di Contenzioso , Buono Maria Luisa Accademico Formatore Giudice esperto in materia di Contenzioso 
Noschese Claudio  Accademico Formatore Commercialista esperto in materia di Contenzioso
Prof Massimo Zavoli Accademico Formatore Docente di Ruolo esperto in materia di Arte 

Dr Paola Biadetti  Accademico Formatore Giornalista esperto in Materia di comunicazione.
I nuovi accademici ,con un breve saluto hanno ringraziato il rettore per la fiducia e sono tutti pronti ad affrontare la nuova sfida per la formazione !
Il Professor Petrino Toga d'Oro dell'accademia Auge, ha salutato per ultimo i  presenti e ha preannunciato un seminario Full immersion per tutti gli accademici che si terrà nei primi giorni di settembre , ovvero prima dell'incontro programmato per gli accademici Auge presso il Parlamento Europeo. 
Communication & Pr
To Do Lab
      Via Tommaso da Celano,78 Roma
info@todolab.it


domenica 17 luglio 2016

MOSTRA COLLETTIVA A NEMI


Il 15 Luglio – a NEMI, nella Sala delle Armi di Palazzo Ruspoli, messa a disposizione dall’omonima Amministrazione Comunale –, l’ACCADEMIA DI ALTA CULTURA ha inaugurato un Mostra Collettiva di pittura, scultura e fotografia, seguendo le linee guida del MANIFESTO PER L’ARTE formulato e divulgato agli inizi di quest’anno dalla medesima Associazione.  Numerosi, di ottima esperienza e molto apprezzati gli Artisti espositori:   Pino ALLAMPRESE, Rita 'Marinella' BELPASSO, Wanda BETTOZZI, Marco BORDIERI, Adriano CIPOLLETTI, Rosanna DELLA VALLE, Laura DESIDERI, Mariastella GIORLANDINO, Valerio GIUFFRE', Paola GIUSTINI, Andrea ISIDORI, Rosalinda LONGO, Stefano MASCIOLI, Ilenia MASSAI, Monica MELANI, Adamo MODESTO, Roberta MUCCI, Stefania NICOLINI, Massimo PATRONI-GRIFFI, Luca PUGLIA, Carmelo RANDAZZO, Rosa ROBERTI, Leonardo SERAFINI, Patrizia SIMONETTI, Gennaro Angelo SGURO, Aleksandar STAMENOV, TIFFANY by Masha SIRAGO.
Come si noterà, significativa la presenza femminile: una sottolineatura voluta dalla Presidenza dell'Accademia e dalla Rappresentante Addetta per l’Arte per l'anno 2015-2016 – Prof. Rosanna Della Valle, che ha seguito la direzione della manifestazione -, per qualificare il progetto 'iDeenell'Arte-Donne nell'Arte e per l'Arte'.
Un caloroso e particolare 'grazie' è stato rivolto dal Presidente dell’ADAC Giuseppe Bellantonio ad Alberto Bertucci - Sindaco del Comune di Nemi, patrocinante l'iniziativa – e al v.Sindaco Sig.ra Edy Palazzi, nonché alla stessa Cittadina di Nemi, ospitante l'evento.   'Grazie' che è stato espresso anche per il patrocinio concesso dal Comune di Lanuvio: segnatamente al Sindaco Luigi Galieti e ad Alessandro De Santis, Assessore alla Cultura, dei quali è stato letto un gradito comunicato indirizzato ai presenti: anche in questo caso, è vivo auspicio che possano svilupparsi iniziative artistiche e culturali in genere, utili a far meglio conoscere tutti questi territori così ricchi di Storia e Arte.
L'amabilità e l’accoglienza della Città di Nemi è stata evidenziata  dagli sponsor tecnici, che - invero numerosi – hanno allietato gli ospiti con la loro spontanea e gustosa accoglienza.  Il servizio fotografico è stato curato graziosamente da Stefano Mascioli.
Di tutto rilievo la presenza dei molti sponsor che hanno condiviso l'iniziativa  dall'Accademia: IL MITREO Galleria d’Arte Contemporanea - Presidente, Dott.ssa Monica Melani, I.S.I.D.E., MIRA-Movimento Internazionale per un Rinnovamento nell'Arte, CATENA, ARTEMIDIA Associaz. Culturale - Presidente, M.me Annamaria Petrova-Ghiuselev, PROVIDA ITALIA Onlus - Presidente, Rosa Guevara Alfaro, SPOLETO ART FESTIVAL - Presidente, Prof. Luca Filipponi, Fondazione T.A.U. - Presidente Umberto Giammaria, M-AREA, ARTEMISIA Onlus - Presidente, Dott.ssa Mariastella Giorlandino, AIAC-Assoc.ne Internazionale di Apostolato Cattolico - Presidente, M° Gennaro Angelo Sguro – che ha voluto presenziare per porgere i proprio saluto e quello dei propri associati -, AUGE-Accademia Universitaria degli Studi Giuridici Europei - Presidente,  Prof. Cesare Cilvini  assistito dal Prof. Giuseppe Catapano, CIAP-Centro Int.le di Aggregazione Popolare per la Cultura e le Scienza Sociali, FLIP-Free Lance International Press, Presidente Dott. Virgilio Violo.
Tra gli attesi ospiti dell’evento, spiccavano personaggi di rilievo del mondo dell'Arte quali il M° Ennio Calabria, il Prof. Luca Filipponi – che, impossibilitato per un imprevisto, ha fatto pervenire al Presidente Bellantonio il suo personale plauso in uno ad alcune considerazioni - la N.D. Brunella di Torradrano, e altri.
Sintetico, qualificato e apprezzato l’intervento del collezionista, curatore ed esteta dell’Arte Daniele Taddei che, oltre al valore della manifestazione, ha desiderato sottolineare la qualità delle opere esposte e quindi degli Artisti in mostra, ribadendo anch’egli l’esigenza di recuperare di quei valori che ne devono contraddistinguere la presenza, anche a livello sociale.
Proprio a proposito del connubio tra le sensibilità tipiche del mondo dell’Arte ed i valori sociali più autentici, la Dott.ssa Giorlandino, suscitando unanime apprezzamento,  ha offerto ai residenti del Comune di Nemi l’utilizzo gratuito della Blu Card per le prestazioni di diagnostica e consulenza medica proposti dalla nota e qualificata rete ARTEMISIA LAB: un’offerta, che sarà gestita di concerto con il Comune di Nemi, che prevede una significativa scontistica per prestazioni sempre e comunque di alto livello, al top della sanità privata.  
Anche il Prof. Catapano nell’occasione ha avuto il piacere di far giungere ai presenti, oltre al suo più vivo apprezzamento, nota della celebrazione ufficiale della nascita dell’AUGE, che avrà luogo il 22 Luglio con una solenne cerimonia presso la Sala del Refettorio della Camera dei Deputati.
Numerose le attestazioni di condivisione, sostegno ed augurio: tra le altre quelle della C.ssa Patrizia de Blanck - sorella del compianto e noto Artista M° Dario de Blanck, alla memoria del quale nel 2017 l’Accademia dedicherà un Premio riservato ad un Artista emergente -, del Dr. Antonino Santisi – caro all’ADAC per la sua pregevole e partecipe attività -, del Prof. Antonio Lizzi – virtuoso del pianoforte -, del Dott. Virgilio Violo – Presidente della FLIP-Free Lance International Press, …
Questo evento dell'ADAC è significativo in quanto rappresentativo dei contenuti espressi proprio nel MANIFESTO PER L'ARTE: Manifesto unico nel suo genere e la cui stesura, voluta e maturata sotto l'egida dell'Accademia, è stata attentamente curata dalla Presidenza, dall'Artista Prof.ssa Rosanna Della Valle – che, anche quale insigne Artista, nel suo intervento introduttivo ha fatto la sintesi artistica dell’evento, e dei motivi che ne hanno suggerito la progettazione, presentando ed illustrando al v.Sindaco e Assessore alla Cultura Sig.ra Edy Palazzi contenuti, opere e Artisti -  e dalla Dott.ssa Monica Melani - curatrice e titolare dell’apprezzata Galleria d'Arte Contemporanea IL MITREO di Roma, peraltro centro di aggregazione sociale e culturale – attraverso l’unione di un comune sentire e traendo spunto tanto dalle esperienze dirette che dall'analisi attenta del mondo dell'Arte.
L'Accademia, nel corso dei lunghissimi anni della propria attività, ha sempre prediletto una presenza incentrata su incontri letterari, conferenze, dibattiti, e quant'altro utile a stimolare confronti di tipo intellettuale: pur se anche l'Arte ha sempre avuto una sua valenza significativa.   
Oggi, nella consapevolezza della severità della condizione complessiva della società, contrassegnata dalla perdita o quantomeno dallo smarrimento di quei valori fondanti tipici del XX° secolo, l'ADAC intende ripartire proprio dall'Arte  per stimolare l'attivazione di una rinnovata corrente di pensiero, che - esaltando i valori dell'Uomo, della Libertà e della Democrazia - possa dare nuovo impulso a un processo evolutivo nel segno della Tolleranza e dell'Amore. Solo così, riscoprendo e ritrovando il senso e lo spessore concreto di questi Valori, potremo raggiungere nuovamente quell'equilibrio che oggi è violato e stravolto dalla violenza, dall'odio etnico e religioso, dalla sopraffazione dei più deboli con gli strumenti della guerra. Guerra sovente sostenuta da alibi sofisticati quanto contorti, utili a mascherare intenti mercantili e commerciali.  Un contributo sentito e concreto, quello che si vuol offrire, rinnovando il confronto attraverso la dialettica  e riscoprendo quindi la piacevolezza della più ampia e civile convivenza, nel segno della Pace Universale come pure nel rispetto dei valori fondanti alla base del pensiero di ogni Civiltà.
E' in questa ottica, inoltre, che l'Accademia vorrà rendersi parte di quel rinnovato progetto di riqualificare le periferie romane, non solo rendendosi disponibile a collaborare con le altrui iniziative, ma anche proponendone di proprie: mossa dalla propria certezza che la Cultura - attraverso ogni proprio strumento, ivi inclusa l'Arte - è l'unico strumento che possa stimolare concretamente la crescita e lo sviluppo dell'Uomo, rendendolo così più forte e pronto a contrastare tutto ciò che, in concreto, possa essere permeato dalla malvagità di animi cattivi, violenti, predatori e prevaricatori.
Roma, 15 Luglio 2016                                                                                                                                                                                                          Giuseppe Bellantonio
----------------------------------------------------
  Disclaimer / Avviso 1
L'autore nonché titolare deDi diritti e dei doveri relativi alla gestione di questo blog rende noto a tutti gli effetti di Legge quanto segue: 
1) tutti i diritti di proprietà artistica e letteraria sono riservati. Ai sensi dell'art. 65 della Legge 22 Aprile 1941 n° 633, è vietata la riproduzione e/o diffusione totale o parziale - sotto qualsivoglia forma - senza che vengano citati il nome dell'autore e/o la fonte ancorché informatica.

2) E' vietato trarre copie e/o fotocopie degli articoli/interventi contenuti nel presente blog - con qualsiasi mezzo e anche parzialmente - anche per utilizzo strettamente personale/riservato.

Disclaimer / Avviso 2
Questo blog non rappresenta una testata giornalistica in quanto viene aggiornato senza alcuna periodicità. Non può pertanto considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n° 62 del 7.03.2001. L'autore non è responsabile per quanto pubblicato dai lettori nei commenti ad ogni post. I commenti ritenuti offensivi o lesivi dell’immagine o dell’onorabilità di terzi, di genere spam, razzisti o che contengano dati personali non conformi al rispetto delle norme sulla privacy, potranno essere rimossi senza che per ciò vi sia l'esigenza di prendere contatto anche preventivo con gli autori. 
Nel caso in cui in questo blog siano inseriti testi o immagini tratti dal webciò avviene considerandoli di pubblico dominio; qualora la loro pubblicazione fosse tutelata da possibili quanto eventuali diritti d'autore, gli interessati sono pregati di comunicarlo via e-mail al recapito giuseppebellantonio@infinito.it al fine di procedere alla opportune rettifiche previa verifica della richiesta stessa. 

L'autore di questo blog, confermando di voler operare nel pieno rispetto delle norme di Legge in vigore, esprime anche la volontà di operare in armonia con le nuove norme entrate in vigore il 1° Aprile 2014 ed emanate dalla AGCOM, relativamente all'introduzione di nuove norme sul copyright digitale e online. 
L'autore del blog non è responsabile della gestione dei siti collegati ovvero collegabili tramite eventuali link né dei loro contenuti, entrambi suscettibili di variazioni nel tempo.
Oltre ciò - specie per le parti informative a contenuto storico e/o divulgativo - i Lettori, ovvero quanti comunque interessati alla materia, che possano ritenere ciò utile e opportuno, potranno suggerire delle correzioni e/o far pervenire qualche proposta. Proposte che saremo lieti di valutare ed elaborare